lunedì 31 agosto 2015

A OLTRE SCRITTURA IL MAESTRO ANTONIO DI PALMA


Sono solo un viandante.
 Passeggio per i boschi
 e in riva al mare,
godendo dei profumi 
e del moto del vento.
Non temo l'immensità 
 che coglie il mio sguardo.
Sono acqua di ruscello,
foglia di platano,
conchiglia.
Sento la comunione
 con la roccia
ove il mio piede poggia.
 Son roccia anch'io.
Antonio Di Palma



Oltre Scrittura riapre  la stagione  con un artista che voglio introdurre con questa mia piccola considerazione giunta, assistendo  al suo ingresso sul palco.
 “In punta di piedi, quasi per non voler disturbare, sul volto un’espressione serena, pacata,  con grande garbo e umiltà  muove i primi tasti, sprigionando tutta l’arte che serba nel cuore.
A Oltre Scrittura ho il grande onore e piacere di ospitare il Maestro Antonio Di Palma. 

Intervista a cura di Monica Pasero

Innanzitutto ti ringrazio per la tua disponibilità. La tua carriera è lunghissima e ricca di grandi soddisfazioni  e non credo che ti servano interviste da blog minori, come il mio, per questo ti sono  ancor più grata di aver accettato. Premesso questo, ho letto di te,dei tuoi trascorsi. Una vita spesa per amore della musica, fatta di sacrifici e tanto impegno che ti ha portato, tra le altre cose, a formare molti ragazzi che oggi sono noti a livello internazionale. Quanto è importante l’approccio umano tra Maestro e allievo?

Il primo incontro con l'allievo è determinante. Lui ti scruta,cerca di intuire qualcosa di te. Dentro di sé, si pone delle domande. Ha  delle curiosità. In quel momento devi comunicargli la tua voglia di accompagnarlo in un percorso che ,a momenti, si rivelerà arduo,e devi convincerlo che le difficoltà saranno condivise. L'allievo deve fidarsi di te,deve essere certo che gli trasmetterai tutto quanto potrà essere per lui fondamentale per la sua realizzazione ,in termini didattici ed umani.

La musica, come tutte le arti esistenti, ha il compito di giungere nei meandri più remoti della psiche umana e risvegliarla.  Per questo credo che l’artista debba essere consapevole che sta donando una parte di lui al prossimo. Un tuo pensiero a tal proposito.

La Musica è espressione dell'anima. Quando suoni traduci le vibrazioni fisiche del suono in vibrazioni interne che incontrano le vibrazioni di chi ti ascolta. Ed allora si entra in comunicazione, una comunicazione che definirei intima.
  
La tua carriera è stata accompagnata da grandi nomi e maestri e credo sia doveroso da parte mia chiederti di lasciare un ricordo ai lettori sul grande Maestro Aldo Ciccolini scomparso da poco.

Aldo Ciccolini e Antonio di Palma

Ciccolini era il fratello di mia madre. Non è facile poter sintetizzare ciò che per me ha significato,e non solo per me. È stato un Maestro di Arte e di Vita. Mi ha insegnato a vivere la Musica come un linguaggio universale. Con lui,si poteva intraprendere un dialogo a 360 gradi sugli argomenti più vari .Amava,come me,la Letteratura, le Arti Figurative, la Filosofia.

C’è stato un momento durante  la tua carriera che avresti mollato tutto e se sì, cosa ti ha spinto a proseguire?

Sono stato,fin da piccolo,contrastato nella mia vocazione naturale,proprio nell'ambito familiare. I miei genitori volevano fare di me un magistrato. Ho imparato presto a coltivare le mie attitudini, a portare avanti il mio sogno,a stringere i denti ed a combattere per i miei ideali. Nonostante tutto ,avvertivo con forza la voce che mi invitava a non mollare.

Quando si ha la capacità e il talento di riproporre musica antica, rifarla vivere,  si sta donando  “memoria storica”. La musica fa parte delle radici storiche dell’essere umano. Quanto è importante non dimenticare e testimoniare ancora la capacità umana di portare, tramite semplici note, la  bellezza al mondo?



La Musica contiene in sé Armonia. È  l'Arte che può avvicinarsi alla descrizione di un paesaggio, del mare,del cielo,della Natura ,cantandone la magnificenza ,proprio come in Pittura.

Tra i  tanti compositori e musicisti riproposti, v’è n’è uno a cui sei legato particolarmente e se sì, perché ?

Sono attratto in particolar modo dai Romantici,anche se amo tanti Compositori Classici. Non credo di avere la predilezione per uno soltanto. 

 Progetti futuri ?

Nel mio futuro ci sono Concerti, ancora Insegnamento,e tanta voglia di scrivere impressioni,pensieri.
 .
Se dovessi tradurre in “parole” ciò che cerchi di trasmettere, suonando. Cosa scriveresti?

Scriverei : Amore. Per la Vita,per il Prossimo .Gioia di comunicare quanto l'Autore voleva significare nella pagina musicale
Progetti futuri ?
Nel mio futuro ci sono Concerti, ancora Insegnamento,e tanta voglia di scrivere impressioni,pensieri.


Che cos’è l’ arte per Antonio di Palma?

Non oso definirla .La limiterei, se lo facessi .L'Arte può essere esaltazione dell'umana espressione,preghiera,mezzo di trascendenza e molto altro ancora.

 Ultimissima domanda: quanto è  importante nella  tua vita il sogno?

Il sogno è un elemento fondamentale della Creatività. Alcuni dei miei sogni si sono avverati. Uno tra questi : poter comunicare con 88 tasti. L'ho sognato fin da bambino.
       

Ringraziando di cuore  Antonio Di Palma per questa interessantissima intervista invito i lettori a conoscerlo ancora meglio sul suo sitohttp://www.antonio-di-palma-pianista.it/

Foto estrapolate dal sito dell' autore con suo consenso.

3 commenti:

  1. Ho letto con immenso piacere l'intervista al Maesto Antonio Di Palma. Ringrazio la scrittrice Monica Pasero per averci regalato questo interessante momento di vita vissuta e soprattutto ringrazio il Maestro per le stupende parole e i magnifici pensieri che mi ha donato. Grazie Maestro!

    RispondiElimina
  2. Loris Antonioli30 marzo 2016 06:15

    I Grandi Uomini si differenziano dalla massa, oltre che per le loro capacità, per l'umiltà con cui si propongono. Grazie Maestro per le sue parole, il suo stile elegante e garbato ne fa un esempio di vita. Ad maiora !!

    RispondiElimina