giovedì 29 agosto 2019

Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti? Di Antonio Dikele Distefano. Edito da Mondadori






“Siamo un passo coraggioso per l’umanità,
per chi è ancora convinto che sotto quello che si vede non ci sia nulla.
Antonio Dikele Distefano

Un linguaggio veloce che arriva come energia, l’espressione odierna in cui molti ragazzi si ritrovano, si riconoscono, si capiscono. Energia che salta, s’inciampa, cade e si rialza! Così ho interpretato la scrittura di questo giovane autore.
Ricordi che tornano. Passato, presente, probabili futuri che si intersecano; si animano in sensazioni contrastanti. Un viaggio nei sentimenti, nella mente complessa di un adolescente che porta il suo vissuto e lo fa semplicemente rimanendo se stesso; scrivendo i suoi stati d’animo con spontanea necessità.Quanto è difficile sentirsi stranieri nella terra che ci ha dato i natali?  
Antonio se lo chiede: è italiano, è nato qui! Parla italiano! Scrive in italiano! Vive da italiano! Eppure, la società lo definisce straniero per la sua pelle nera.
Nera sì, come le paure che spesso lo accolgono, come i ricordi e le fatiche di crescere in una realtà che ancor oggi discrimina, teme la diversità e la interpreta sempre e comunque come una minaccia.
Nera come quel buio che lo porta a preoccuparsi di un futuro che appare per lui non concesso. Le difficoltà della famiglia, i sacrifici, la rabbia del pregiudizio, il dolore che gli si inietta nell’anima ogni volta che lo si etichetta straniero a casa propria. Nera come la delusione di amare sempre la persona sbagliata. Nera come l’incapacità di comprendere chi, di lui, non vede altro che il suo colore.
Ma la sua vita sprigiona anche luce, energia, forza! E la voglia di vivere, sognare, di essere accettato, di cambiare le regole di questo gioco al massacro, e soprattutto di amare, trapela in ogni capitolo di questa narrazione che porta a conoscere sempre un po’ più, a fondo, Antonio questo giovane italiano dalle origini africane.
E poi si sa che il cuore non ha colore e supera ogni barriera; così un giorno nella vita di Antonio, nel suo riscoprire se stesso, arriva Linda dalla pelle chiara e il cuore libero …
Perché tu mi somigli, solo la geografia ci separa, non siamo dello stesso colore ma siamo dello stesso amore.” così cita l’autore in un passaggio di questo romanzo, dove vivremo una dolcissima storia d’amore, in cui i contrasti, i pregiudizi di un’immatura società  tenteranno di porre fine a due cuori che battono all’ unisono.
Un libro dal piglio giovanile che sviscera i milioni di pensieri, in cui vive spesso un adolescente, oggi, manifestando la sua voglia di crescita e rivalsa in una società non sempre giusta!  Testimoniando, quanto ancor oggi la discriminazione nel nostro paese e nel mondo è forte.  
Linda e Antonio insegnano che l’amore significa essere sempre e comunque nella stessa direzione.


Monica Pasero




martedì 20 agosto 2019

NUOVA RACCOLTA POETICA PER MASSIMO DE TOMMASO


OLTRE SCRITTURA SEGNALA
LA RACCOLTA POETICA
VIAGGIATORE SENZA BIGLIETTO
DI MASSIMO DE TOMMASO





Viaggiatore senza biglietto è una raccolta di poesie che lascia  fluttuare la mente del lettore in un mondo, in cui sia la dimensione spaziale che quella temporale sembrano non esistere.
Queste poesie ci regalano attimi di piacevole abbandono che profumano di delicata e sconvolgente passione. Si viaggia verso spazi sconfinati del nostro essere, alla ricerca di una realtà, alla quale non riusciamo a dare forma se non con l’ausilio della nostra sensibilità.
La forza della natura attraverso i suoi elementi costitutivi crea scenari, dove ora le rondini o i gabbiani, ora il mare, il vento, la sabbia, la terra diventano metafore delle forze che agiscono nell'animo umano, realizzando la stessa, mutevole, alternanza di emozioni.
Queste poesie sono un percorso autobiografico ma per l'atmosfera intima, di cui sono infarcite, diventano per ogni lettore un viaggio attraverso le sue stesse emozioni.

BIOGRAFIA AUTORE

Massimo De Tommaso, di origini salentine, vive e lavora da anni in provincia di Siena, dove alterna la sua attività di grafico pubblicitario con la passione per la lettura e la scrittura.
Nel 2001 è uscita la sua prima silloge poetica dal titolo Anabasi dal vuoto (L’Autore Libri Firenze, Piccola Biblioteca ‘80).




venerdì 9 agosto 2019

A OLTRE SCRITTURA LA PITTRICE NORA ART. INTERVISTA A CURA DI MONICA PASERO






La Bellezza è una forma del Genio, anzi,
 è più alta del Genio perché non necessita di spiegazioni.
 Essa è uno dei grandi fatti del mondo,
 come la luce solare, la primavera, il riflesso nell’acqua scura
 di quella conchiglia d’argento che chiamiamo luna.
(Oscar Wilde)

“Femminilità” è la parola chiave che apre al vasto mondo pittorico dell’artista di oggi; la quale con maestria e talento riproduce la figura femminile nella sua totale essenza: corpi sinuosi, delicati di donna, rubano la scena e gli occhi; portandoci a contemplare terre lontane in cui l’avvenenza, la passione e la sensualità divengono primari.
Donne eteree, magiche, si elevano su queste tele, sguardi lungimiranti, occhi espressivi raccontano stati d’animo, differenti, di donne che amano, soffrono, sperano, attendono …    
Raffigurazioni, quasi celesti, che sfiorano il mistico e lasciano intravedere visioni nuove, dove la fantasia si mescola alla realtà. Opere significative che ci aprono ad ampie interpretazioni; soggetti intrecciati tra realtà e finzione, spronano il nostro sguardo ad andare oltre. Sacro e profano si accarezzano senza ledersi tra loro; un mix vincente che evidenzia l’estro e l’immensa grazia di questa artista.
E come le sue amate farfalle, si posano delicati sulle tele i colori pastello; dai blu ai tenui rosa che imprigionano nei suoi soggetti tutta la sua femminilità.
Ma non mancano opere più decise, dove domina il nero, il rosso, il giallo. Il mistero, l’avventura. Cavalli al galoppo aprono a nuovo spirito, pensieri espressivi che si ribellano su tela e scalpitanti ci inoltrano in inaspettati scenari: dai mari cangianti e spumosi, al volo di gabbiani liberi, alle distese di girasoli baciati da un caldo sole estivo.
Non manca davvero nulla nelle opere dell’artista di oggi che ci porta in un mondo fatto totalmente di lei, di magia e di alternativa …
L’alternare una reale condizione e renderla bella, anzi bellissima, scavando nell’ animo e portando ogni soggetto ad essere una piccola magia universale.
Ad Oltre Scrittura ho il piacere di ospitare la pittrice Nora Art.



Innanzi tutto ti ringrazio di essere qui e parto subito col chiederti, quando è nata la tua passione per la pittura? Ricordi il tuo primissimo disegno?
Grazie a te Monica per avermi dato la possibilità di farmi conoscere. Certo! I ricordi dei miei primi disegni risalgono alla tenera età, da piccola già disegnavo. Alle elementari, ricordo che la maestra mi incoraggiava facendomi molti complimenti. Il mio primo quadro a olio l’ho realizzato a nove anni, per emulare mia sorella maggiore che già dipingeva e da lì non ho più smesso.

Soggetto primario delle tue opere è senza dubbio la donna; c’è un motivo per questa tua scelta?
Mi dà molta soddisfazione dipingere la “donna” nelle sue molteplici espressioni, secondo me la bellezza di un paesaggio è più completa con una figura femminile che ammira lo spettacolo della natura; è come se dipingessi me stessa che guarda e assapora ogni momento del panorama dipinto.

Chagall diceva: Aprivo solamente le finestre della mia camera ed entravano l’aria color blu, l’amore e i fiori. Questa sua espressione mi ha ricordato te; e ti chiedo: a quale fonte d’ispirazione attingi per le tue opere.
La mia voglia costante di evadere con la mente mi ispira, mi porta direttamente in un’altra dimensione di pensiero, mi allontana dalla realtà per poi ritornare con tantissime idee da quel viaggio fatto con la fantasia. 

Nei tuoi quadri spicca forte la bellezza, la perfezione femminile viene esaltata divenendo quasi surreale. Ma secondo te la bellezza può essere standardizzata al modello sociale in vigore oggi?

Secondo me la bellezza oggi è molto standardizzata, la chirurgia estetica viene utilizzata in modo esagerato, così da creare corpi tutti uguali, gonfi oltre misura. La bellezza che dipingo è semplicemente armonia dei colori e delle forme.

Alcuni artisti lasciano un messaggio nelle loro opere, se c’è nelle tue qual è?
Il messaggio che cerco di lasciare nelle mie opere è di cogliere dalla natura la bellezza della vita. Utilizzando i colori chiari delle tonalità  dell’acqua,  come l’azzurro, cerco di evocare il sogno. Quindi elogio la positività e la serenità, lasciando tutte le negatività del mondo al di fuori delle mie tele.


Leonardo Da vinci diceva: La pittura è una poesia muta, e la poesia è una pittura cieca. E quale miglior connubio, allora, per la tua opera che è stata utilizzata come copertina di una nuova pubblicazione poetica; ti va di parlarcene?  

Questa mia opera è stata utilizzata per la raccolta poetica di Antonella Commendatore “Da bozzolo a farfalla” edita dalla  Ctl Editore Livorno di Nino Bozzi. Sono grata di aver potuto dare un volto ai versi di questa autrice, perché  grazie al connubio  “arte e poesia” emerge ancor di più  la positività della vita e dell’amore che muove il mondo. Sono felice di aver potuto vivere questa esperienza e che la scelta sia caduta su di me e sulla mia opera e spero possa accadere di nuovo.

Henry Ward Beecher, politico del secolo scorso, affermava: Ogni artista intinge il pennello nella sua anima, e dipinge la sua stessa natura nelle sue immagini. Nelle tue opere domina, oltre la femminilità, anche la libertà: capelli al vento, cavalli al galoppo, farfalle libere e voli di uccello, onde spumeggianti, tutto questo mi fa pensare alla tua innata voglia di espressione; alla forte ribellione che si scatena in te quando prendi tra le mani il pennello e oltre al colore liberi anche l’anima; è così?
Ma certo! Non posso che condividere il pensiero che ogni artista intinge il pennello nella propria anima prima di dipingere! Tutto deriva dall’anima, io dipingo ed imprimo sulla tela il mondo che ho dentro e i miei semplici pensieri effimeri mutano in materia leggibile a tutti.


Come scritto nella tua biografia, sei un’ autodidatta e questo evidenzia il tuo grande talento; ma quanto è importante la tecnica e lo studio  nel tuo percorso artistico?


Fin da piccola la mia tecnica l’ho inventata ed elaborata dipingendo tanto, tutti i giorni, ho imparato  dagli errori, come procedere per migliorarmi sempre più; fino ad arrivare a ciò che sono oggi. Comunque la mia arte è in continuo mutamento, grazie all’utilizzo e all’esplorazione di nuove tecniche.

Chi è Nora art nella vita di tutti giorni?
Nora è una persona introversa, che con la pittura cerca di esprime le emozioni più profonde per rendere l’anima più fluida e liberarla dai blocchi emotivi.

Se dovessi definirti con una sola parola quale sarebbe e perché?
“Semplicità”, perché non voglio una vita artificiosa fatta per il gusto di apparire  e pensare solo al successo, voglio stare bene con me stessa e con la mia famiglia ed esser sempre presente per loro.

Progetti futuri?
Per le mie collettive prediligo le gallerie d’arte intime e organizzate bene che evidenzino le opere per quello che sono; senza artifici e soprattutto non sfruttino l’artista.  Al momento il mio progetto primario, che sto cercando di raggiungere, dopo anni di collaborazione, è gestirmi autonomamente una mia Galleria, dove esporre  individualmente le mie opere.  

Ed eccomi alla mia ultima domanda, di rito per Oltre Scrittura, e qui ti chiedo: quanto è importante nella tua vita il sogno?

Il sogno è importantissimo per me, perché ne traggo molta ispirazione; infatti i miei dipinti dalle tonalità azzurre evocano molto l’onirico mondo notturno. Parlando del sogno non posso che citare un artista che sento particolarmente vicino, Vincent Van Gogh il quale afferma: “Sogno di dipingere e poi dipingo il mio sogno” cosa aggiungere, questa citazione è esattamente quel che penso e vivo.

BIOGRAFIA NORA SCIARRA IN ARTE NORA ART

Nora Sciarra, classe 1969, è un’artista autodidatta nell’ambito della pittura. Fin dalla tenera età si applica in questo campo maturando uno stile figurativo personale, sperimentando varie tecniche pittoriche in special modo la pittura ad olio. 
                          
Le sue opere studiano con profondo rispetto la realtà circostante senza codificarne, concettualmente e visivamente, le forme realistiche mutandole però con il suo stile fantasioso. Spesso unisce tecniche come la pittura a materiali estranei ad essa creando rilievi ad effetto tridimensionale, formando così delle opere che sembrano mutare da forme piane a forme tridimensionali.



venerdì 2 agosto 2019

“Il pipistrello Matteo e altre storie di Maria Gangemi


OLTRE SCRITTURA
SEGNALA IL LIBRO  
di Maria Gangemi
“Il pipistrello Matteo e altre storie"


“Il pipistrello Matteo e altre storie" é un libro di racconti per la prima infanzia, pensati per i bambini che non riescono a mantenere a lungo l'attenzione o a seguire trame che per loro sono complicate.
Il testo si presta sia alla lettura ad alta voce da parte degli adulti, che ai primi approcci con i libri da parte dei bambini; stimola l'avvicinamento alla natura, al mondo degli animali e delle piante.
Ogni storia é una lezione che porta il bambino a riflettere sui personaggi e sull'insegnamento che si cerca di trasmettere. L'interazione tra persone, animali reali e fantastici, come il lanternino, riuscirà a catturare i bambini e a coinvolgerli in una divertente lettura, mentre si chiederanno cosa potrebbe accadere se un orripilante pipistrello entrasse in casa nel cuore della notte o se la nonna si sbagliasse e nell'ovetto che ha scartato ci fosse ancora un pulcino o ancora cosa potrebbe succedere a quel bruco piuttosto brutto. Questa storia potrebbe diventare lo spunto per un piccolo, semplice ma importante esperimento scientifico che si può realizzare a scuola o a casa, per osservare e apprezzare da vicino le meraviglie della natura e imparare a darle una mano.
Ad aiutare i piccolissimi nell'elaborazione dei testi, ci sono i disegni realizzati da una bambina di dieci anni, fatti di personaggi espressivi e gioiosi. Sono convinta infatti che nessuno, meglio di un bambino, potrebbe immaginare il fantastico mondo dei piccoli.



BIOGRAFIA AUTRICE
Maria Gangemi nasce a Reggio Calabria, dove attualmente vive, nel 1976.
Dedica la sua vita allo studio, all'insegnamento e alla cura dei bambini.
Personalità eclettica e poliedrica plasmata da interessi culturali spazianti dall’astronomia alla naturopatia scientifica, ama conoscere e sperimentare. Consegue la Laurea in 'Lingue e Letterature Straniere' con specializzazione in 'Storia della lingua inglese' a Messina. Durante gli studi universitari, è stata vincitrice della borsa di tirocinio "Leonardo da Vinci", della quale ha usufruito nel 2002 a Bruxelles, dove ha vissuto tre mesi. Alla laurea farà seguito un Master in localizzazione a Torino.
Oggi dedica il suo tempo libero allo studio autoformativo, che concilia con il ruolo di mamma per la maggior parte del tempo. Continua a dedicarsi alla sua passione da bambina, la scrittura.
Determinata a rimanere nella propria terra di origine, sono stati tanti i sacrifici fatti per andare avanti esclusivamente per i propri meriti. Il proprio percorso di vita unito al bisogno di risposte l'ha portata a una continua ricerca della verità e di Dio.