giovedì 28 agosto 2014

ONDE DI UN MARE SCONOSCIUTO

 .



 Onde di un mare sconosciuto  


 Tra  queste pagine giungerete all’anima irrequieta e ribelle di questa poetessa, la quale sprigiona tutta la forza del suo pensiero,  trasformando il dolore,la gioia, le ansie e i sogni,  che l’ accompagnano in versi. Dove ritrova la pace.
Un’ anima ribelle la sua, ma impreziosita da sfumature delicate e di grande sensibilità,le quali doneranno alla carta liriche aggraziate e spontanee, dove ne traspare tutta la naturalezza e semplicità dell’autrice.
La poetessa sprigiona  il suo sentire con versi che fanno parte di lei, in cui ci  racconta i suoi stati d’animo, i suoi sogni come in questo passaggio che cito:
E sentirti in me
come un dolce respiro...
sentirti in me
come una gioia..
una scoperta
come pioggia che disseta
la vita. ( tratta da: “Riflesso” )
Le sue speranze  riaffiorano anche dopo momenti bui della sua vita  In questi versi ne  viene descritta egregiamente la sensazione che l’autrice ci vuol  donare:  
“Un piccolo gesto
riaccende la luce
della speranza e come un ‘onda
ti riporta a sorridere alla vita”  (Tratta da:” Onda “)
Per poi  giungere a versi a nostalgici, ove i ricordi e le paure evidenziano il suo percorso :                                              “ Forse
siamo solo un ricordo stinto
dentro le pieghe del tempo
 ( tratta da: “Tempo” )
 a poco a poco la sua penna  rapirà il cuore del lettore e lo farà con spontaneità e naturalezza, che la contraddistinguono da sempre. portandoci nel suo mondo interiore fatto d’amore e   spontaneità.
Monica Pasero


BIOGRAFIA AUTRICE
Maria Caterina Targa nasce a Pavia il 1 dicembre 1962.  sposata e madre di  Riccardo vivo a Garlasco, dove lavora e  porta avanti le sue  grandi passioni.

Da sempre ama la  poesia,  Così nel agosto 2013  esordisce  con la sua   prima silloge poetica  “Il silenzio dell ‘anima” edizioni Book Springt . Nella primavera 2014 nasce la sua   silloge  poetica “Onde di un mare sconosciuto” edita da Rupe Mutevole Edizioni

ospite spesso del sito “Scrivere” ha ottenuto molti consensi con le sue liriche tanto da essere l’autrice del giorno



15 commenti:

  1. Cosa ha scatenato in te il desiderio di poesia

    RispondiElimina
  2. E' stato in momento di sofferenza , uno di quei momenti in cui la vita ti mette alla prova, succede a tutti, credo, di cercare delle risposte, le emozioni si scatenano in noi.
    Io sono come un viandante in cerca di verità, ho sentito in me sentimenti che mi travolgevano come onde che arrivano da lontano da un posto misterioso .
    Non riuscivo a trattenerle, e cosi ho iniziato a scrivere dando loro visibilità, i fogli sono abiti che ho fatto indossare loro.

    RispondiElimina
  3. Com è il tuo mare? Quieto o agitato?

    RispondiElimina
  4. Un mare, molto agitato, direi in tempesta sempre, solo cosi le mie emozioni nascono e s'infrangono sugli scogli della mia anima, un susseguirsi di onde che mi trascinano nell'occhio del ciclone dove trovo la mia quiete.

    RispondiElimina
  5. Come concilii l'ispirazione poetica con la vita familiare, casa, figlio, faccende ecc.? Pensi che per una donna, una madre di famiglia sia più difficile? - Alfredo Betocchi - Firenze

    RispondiElimina
  6. Grazie Alfredo della tua domanda, non è più difficile anzi, per me scrivere è portare il mio vissuto quotidiano in un'altra dimensione quella spirituale intima.
    Io amo molto i visi delle persone , le osservo e cerco di carpirne le emozioni, persone che vivono accanto a me o persone che incontro durante il giorno suscitano mille pensieri che poi traduco in parole.
    Ecco semplicemente mi ritaglio un tempo , che non è quello materiale ...

    RispondiElimina
  7. Nell'arco della giornata o della serata quando e cosa ti ispira maggiormente e ti porta a scrivere?

    RispondiElimina
  8. Vi sono momenti in cui sento emozioni forti, come al mattino appena sveglia o la sera ..sono attimi cosi intensi che le parole escono da sole, è un bisogno ormai che sento quasi fisico, è parte di me ...

    RispondiElimina
  9. All’ interno del libro ho trovato un cd in cui le tue poesie vengono recitate dall' attore Mario Lucarelli: La tua prima emozione quando hai ascoltato il cd è stata ?

    RispondiElimina
  10. Quando ho ascoltato per la prima volta le mie poesie recitate da Mario Lucarelli, mi sono messa a piangere , ho pensato "queste parole non sono mie" sembravo vere , vive , piene di vibrazioni,
    Una grande voce,, un grande interprete e un vero onore per me.
    Grazie per questa domanda e grazie per aver letto il mio libro

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. Oltre a scrivere suppongo che tu sia anche una lettrice quale genere prediligi oltre la poesia?

    RispondiElimina
  13. Amo leggere i romanzi di vita vissuta come ad esempio i libri di Tiziano Terzani, ho letto in un giorno "L'albero dei mille anni" di Pietro Calabrese, ultimamente ho letto anche Pennac " La prosivendola" questo mi ha preso molto anche se non si tratta di vita vissuta, poichè parla di scrittori.

    RispondiElimina