lunedì 14 settembre 2015

Libro ospite Fiori, mine e alcune domande di Irene Marchi

Libro ospite
Fiori, mine e alcune domande
di Irene Marchi  




Quello che emerge da queste pagine è un sentimento di amara insofferenza verso le modalità spesso false e inutilmente competitive con cui quasi tutti ci adeguiamo a vivere e verso l'incomunicabilità che ne consegue. Come se non bastassero le bastonate di un caso cieco e indifferente, ci autocondanniamo a vagare costantemente in maschera, intrappolati in un ghiaccio che congela lʼespressione più sincera delle emozioni.
Eppure l
ʼabbiamo intravisto un cielo più  libero, riconosciamo il profumo di un fiore vero, ma continuiamo a farci andare bene la giostra di apparenze e insensatezze dietro cui ci nascondiamo.   
Da qui il titolo della raccolta: fagocitati dalla nostra egoistica realtà, il resto del mondo non ci riguarda e poco ci importa se qualcuno pagherà il prezzo delle nostre scelte. L
ʼimportante è stare al gioco, far parte di questa mischia rumorosa, non porsi mai alcune domande.
Nessun sofisticato o evanescente accostamento di parole, in questi versi, ma solo l
ʼespressione onesta di un punto di vista su quella che è la nostra vita, oggi.

 PER ACQUISTARE CLICCA QUI


  Irene Marchi è nata a Firenze nel 1970, ma vive da sempre in Veneto (Treviso).

Laureata in Lettere (poi insegnante di sostegno), ha letto sempre tanto ma non pensava di poter scrivere. Pochi anni fa, invece, per gioco o forse per necessità, ha cominciato a scrivere poesie: è stata quasi un'esplosione di parole, forse un modo per cominciare a parlare... e ora non riesce a smettere.
Una sua raccolta di poesie è stata pubblicata nel 2015 (Fiori, mine e alcune domande – Sillabe di Sale Editore).





Nessun commento:

Posta un commento