domenica 29 gennaio 2017

Black Out recensione a cura di Monica Pasero


 “La tua vita sarà il nostro messaggio”
Black out

Se si potesse per un attimo estrapolare la nostra anima da questa realtà effimera, caotica, in cui inconsapevolmente, spesso e volentieri, perdiamo la strada,  e condurla   alle radici del sentimento,   dove tutto ebbe inizio, dove l’amore, quello puro, la rese  degna di continuar il viaggio di esistenza in esistenza. Ecco occorrerebbe un Black Out!

È davvero difficile recensire un’ opera completa come questa. Parto subito dicendo che  fin dalle prime pagine si denota la  bravura dialettica e la  preparazione dei due autori nello sviscerare argomenti di varia natura con competenza e padronanza del testo. In cui  alternano a situazioni di grande impatto mondiale   altre delicate e romanzate  che alleggeriscono il testo e lo plasmano di quella dovuta magia  pertinente e viva in tutta la narrazione.

Ci  si imbatte in una lettura dove emergono tematiche forti  di grande rilevanza sociale che spesso sottovalutiamo, rinchiusi nella nostra nicchia quotidiana, dimentichi che  esiste un mondo là fuori che pian piano sta morendo grazie alle forze del male che  hanno reso molti di noi schiavi del Dio denaro, accecandoli   con il  potere dell’ avidità. Da quel sentor di onnipotenza che porta l’uomo alla sua autodistruzione, ignaro che il male lo sta  rendendo  schiavo e complice della sua stessa fine.
Alimentato dal  suo  ego, diviene alleato del male, della distruzione. Giungendo a piccoli passi all’epilogo dell’ umanità stessa. Vorrei tanto fosse solo  un fantasy,  ma ahimè non lo è!  Esistono forze ,  il famoso ordine mondiale, dove i signori della terra decidono e stabiliscono se dobbiamo vivere o morire, se siamo utili o meno, in queste caste malvagie, che ancor  sottovalutiamo, si genera  il germe del male che sta conducendo l’uomo alla sua estinzione.  L’ordine mondiale è sempre più presente e sta devastando l’intera umanità  gettandola  in un baratro senza ritorno. L’uomo diviene  dimentico  del  motivo della sua venuta in Terra.   Plasmato, manipolato  da queste forze che stanno usando ogni mezzo per  alienare il  suo  pensiero.
- Comunicazione corrotta che forvia la verità. Ci  distrae,  ci  manipola, condiziona il nostro pensiero, divenendo così, spesso, inermi a tutto come  marionette in attesa di esser guidate, inconsapevoli del nostro esistere.
 -Economia che ci rende schiavi di un pezzo di carta. Possedere diviene primario,  siamo focalizzati sulla materia, sull’ apparenza, come unico sostentamento umano, dimenticando che la ricchezza e bellezza  in un uomo vive al suo interno.
-Scienza:  epidemie, alluvioni,  terremoti, tsunami   indotti  e quant altro ancor non noto…
-Religioni  che ci plasmano con regole che con lo spirito hanno nulla che fare,  ci mantengono focalizzati su dottrine corrotte,  basterebbe ascoltarsi che lo spirito parlerebbe aprendoci il cuore alla verità.
Il controllo globale è vasto ed è in atto da decenni  e  solo questo dovrebbe bastare ad indurci ad una ribellione. Questo libro apre gli occhi, rivela, svela riporta all’ attenzione il bisogno di non sottovalutare questi aspetti che non sono solo parole ma fatti  che negli anni a venire  varcheranno l’impossibile. Vedremo , forse, il male aprirsi innanzi  a noi  e prima che tutto ciò che giunga,  potremo  ancora cambiare le cose.
 E come si cambia ? Con una riflessione importante  estrapolata durante la lettura: vedere il male con distacco, combatterlo ma senza alimentare in  noi odio e rancore che lo  inducono  solamente  a crescere.  
 In  questa narrazione ci sono diverse  chiavi di lettura una delle più significative  credo sia  che spesso  per aiutare il prossimo  ci si inaridisce, alimentando involontariamente  il nostro ego, crediamo che rinunciare alla nostra vita  e sacrificarsi per gli altri sia cosa  giusta ed in un certo senso è così,  ma  quando la nostra felicità, il senso di vuoto lacera i nostri giorni forse non stiamo compiendo il nostro destino e tutti noi ne abbiamo  uno già scritto solo da ricordare… Tutti noi meritiamo di essere felici. Un essere felice emana amore ed alimenta il creato.
E qui subentra in gioco la parte del libro a me più sentita: l’amore  che giunge inaspettato  nella vita dei due protagonisti, entrambi in prima linea nell'aiuto al prossimo.  Lei Mary  medico in prima linea in Siria,  lui  Renzo  giornalista d’assalto.  Qui la narrazione apre tematiche vaste dove il destino, il mistero la carta magica dell’ amore eterno inducono nel lettore forti emozioni,  perché nulla è davvero impossibile quando due anime sono destinate a ritrovarsi, come nel caso di questi due individui che a distanza di secoli  scopriranno nuovamente di appartenersi.  Un storia nella storia, ove il passato ritorna forte e vivo e ancora una volta la carta vincente su tutta la linea diviene l’amore.
 Questa è la storia di due destini che si intrecciano si ritrovano e durante il loro percorso di vita portano all’ attenzione del lettore le grandi difficoltà dei giorni nostri, l’incubo della guerra, della morte e la futura e poca fantastica situazione del Pianeta, grandi spunti di riflessione che non possono che  toccare e destare preoccupazione  in chi si imbatterà  in questa opera, ma Black out  apre anche  la porta magica dell’ amore puro  quello per  il bene  e per  il vero senso dell’ esistenza. La figura dello spirito in queste pagine è molto presente e si manifesta nel suo  grande mistero. L’essenza del divino vista puramente come amore.
 Credo che vi siano libri nati non per caso ma indotti a lasciare una traccia, un aiuto per aprire nuove visioni e far si che nella mente si possa giungere a considerare un pensiero nuovo, una luce che fin ora non filtrava ancora. In quest’ opera vi è davvero tanto da considerare ma  credo che  il messaggio che Black Out lancia, sia di riscoprire se stessi  e i nostri veri desideri e lasciarli vivere in noi, perché solo amandoci porteremo il nostro più grande contributo al mondo. L’amore è fonte infinita del tutto! Solo partendo da noi potremo fare grandi cose.
“ Dio ama le piccole cose perché è da li che si generano le grandi!”
Buona lettura



PER ACQUISTARE CLICCATE QUI



Nessun commento:

Posta un commento