domenica 3 giugno 2018

Serial Lover, amante seriale di Nuccio Castellino


Oltre Scrittura
 segnala
 Serial Lover, amante seriale
 di Nuccio Castellino




Lorenzo è un professore universitario di letteratura
francese, elegante, colto, bello e affascinante,       
dotato di una
esagerata autostima che lambisce il narcisismo.
Usa le donne come cravatte da intonare con le camicie,
finché non incontra Greta, un angelo biondo di cui si
innamora perdutamente
 sconvolgendo inevitabilmente la
sua vita.
Il tradimento di Greta, improvviso e imprevisto, lo
trasforma in un vero e proprio serial lover impegnato, in
modo compulsivo, a distruggere la felicità degli altri.
Un gioco perverso che sembra funzionare finché non
scompare una delle sue amanti, sparizione in cui Lorenzo è
coinvolto da una serie di indizi schiaccianti.
Braccato dalla polizia e da uno spietato killer, Lorenzo
riuscirà a salvare la sua libertà e la sua giovane vita?
Sullo sfondo di uno scenario kafkiano, un noir esistenziale,
incisivo   come   la  lama   di   un  coltello,   investiga   le   radici
profonde del disamore.
“Non ti dispiace morire?”
“No, mi dispiace morire per mano di una donna.”
Gli occhi si sfidarono per un tempo interminabile.
“Avrei preferito la vendetta di un uomo al rancore di
una donna”, e la costrinse ad incidere ancora la sua pelle.



 Biografia autore
Nuccio Castellino nasce in Sicilia nel 1961 e trascorre la sua infanzia e
adolescenza dividendo i giorni assolati scrivendo canzoni e poesie. La musica e la scrittura sono suoi fedeli compagni anche a Roma dove si trasferisce negli anni ottanta dopo la Laurea in Lingue e Letterature Straniere e dove lavora come redattore e iconografo in una grande azienda grafica. Dopo avere scritto e composto oltre cento canzoni, realizzata la prima raccolta di poesie, redatto centinaia di recensioni per il cinema, il teatro e la pittura di cui è grande appassionato, scrive il suo primo romanzo allo scoccare esatto dei suoi primi cinquant’anni, frutto di un’alchimia affascinante e fascinosa composta dalla stessa sostanza di cui sono fatti gli uomini e le donne. Ama l’arte in tutte le sue espressioni, sia guardarla che viverla, annusarla e farla, convinto che solo lei può salvare gli umani dalla loro estinzione, e il suo romanzo, al di là delle storie che racconta, al di là del tema centrale sull’incapacità di amare degli umani, è un omaggio all’arte, autentica panacea e ambrosia per l’umanità.


Nessun commento:

Posta un commento