sabato 26 luglio 2014

Letta il giorno del suo giuramento. Grande esempio per tutti noi !

 Oltre scrittura si occupa di tutto ciò che  emoziona e non potevo  non  riportare  questa lettera di un grande amico. Letta il giorno del  suo giuramento.
Cristian Sotgiu:   poeta, scrittore e grande anima. Le sue parole arrivano al cuore ,e come tali vanno evidenziate, perché pure  e vere quanto questo ragazzo.  In bocca al lupo per tutto Cristian!
Lettera
Mi dissero che i sogni son fatti di aspettative e realtà da colmare.
Posso dirvi che i sogni vanno inseguiti, rincorsi il più delle volte...
Con la stessa dedizione con cui si desidera e si cresce un figlio, 
il frutto di quel che sei, di ciò che ami, delle tue virgole di vita e delle esperienze che sei stato e che sarai nel crescere. Il mio pensiero va a Domenico, amico, collega, figlio della mia stessa terra.
Va alla sua famiglia, ai suoi occhi che avrebbero potuto raccontare e alle sue mani che avrebbero potuto fare.I miei pensieri vanno al cielo che ora osservo, alla sua anima, al suo sorriso che ora ci veglia, ci accompagna nelle giornate.
Ti amiamo, nella vera pienezza del verbo.

Sei e sarai per sempre.
Un bacio a te collega, sei uno di NOI.
Sono un uomo che piange spesso, ma sono anche un uomo che affronta la vita, la mia e il più delle volte la vostra.
Sono un ragazzo.
Son un allievo.
Son stato un discontinuo, un volontario, e lo sono stato da sempre, perché nasci per fare tutto questo.
Sono un uomo fatto di pelle e sentimenti, prima di essere quello che sono ora: 
UN VIGILE DEL FUOCO
Sono un giovane, come tanti, con una luce diversa negli occhi, quella della felicità di aver centrato i suoi obiettivi. Sono un ragazzo ora dentro una famiglia fatta di gradi, rispetto, umanità,e miliardi di altre piccole belle cose che vanno da un caffè preso al bar tra sorrisi delle cose andate bene, 

ai silenzi rassicuranti della mia squadra che mi han tirato su quando tutto non è andato come doveva andare. Che non si può arrivare mai a capire come possiamo sentirci, ancora prima di indossare quella divisa che è una benedizione di Dio e non la giornata fortunata di chi ci troviamo di fronte .
Che non si potrà mai arrivare a comprendere che il primo pensiero del mattino, mentre apriamo gli occhi,
è di esse sempre alla altezza della giornata, di non deluderla mai, 
di poter tornar a casa con il sorriso in faccia e parlare sereni,
perché NOI il più delle volte si sta in silenzio a pensare cosa si poteva fare meglio.
Che potrai chiedercelo mille volte del perché abbiamo scelto questo lavoro, e non riusciremo mai a risponderti bene ,perché non lo sappiamo, perché lui ha scelto noi, perché non riusciremo a fare altro con lo stesso gusto e piacere,perché forse doveva andare così, perché siamo seme del destino, perché dovresti vederci dentro ogni giorno.

Amo quello che faccio
Amo quello che sono
Non ho nessuna spiegazione, so solo che ho capito chi ero, inseguito chi sono e centrato i miei sogni,
per essere felice, per essere realmente ME.
Amo quello che sono, amo quello che sono faccio
e tutto questo vivere è per me,
è per voi
E' per meritarmi la divisa che indosso.

73° Corso Vigili Del Fuoco    Cristian Sotgiu


Nessun commento:

Posta un commento